Cerca
  • Verità e Giustizia per Mario Biondo

MAMME CORAGGIO DENUNCIANO ROBERTA REI, ROBERTA BRUZZONE E LE PERSONE COINVOLTE NELLA DIFFUSIONE DEL

Aggiornamento: nov 11




LA FAMIGLIA BIONDO, AIELLO E LE ALTRE VITTIME SEGUITE DA EMME TEAM CHIEDONO L'IMMEDIATO BLOCCO DEL VIDEO E LA RIMOZIONE DELLO STESSO DALLA RETE CON RISERVA DI AGIRE PER IL RISTORO DEI DANNI AD AGGRAVIO DI RTI/MEDIASET.


Le mamme e le famiglie della vittime che da anni cercano giustizia per i loro figli e che si sono rivolti a Emme Team, hanno sporto denuncia contro Roberta Rei, Roberta Bruzzone, l’Avv. Annamaria Bernardini De Pace e altri, con il supporto dei propri legali e dello stesso gruppo di consulenti italo-americani, rivolgendosi agli uffici della Procura della Repubblica, presso i vari Tribunali competenti territorialmente, per diffamazione aggravata e ricettazione, correlata all'illecito utilizzo di documenti rubati.

Il servizio de Le Iene firmato da Roberta Rei è in realtà una fake news che fu creata nel 2020 da Selvaggia Lucarelli con la collaborazione della stessa Roberta Bruzzone, l’Avv. Serena Gasperini e l’Avv. Annamaria Bernardini De Pace, al fine di colpire Emme Team e i suoi casi, dopo che gli studi legali che operano nel mondo sotto tale marchio, ebbero a denunciare tutte loro per diffamazione e violazione del segreto professionale. Azione che le vede ora indagate presso la Procura di Roma.

Quello stesso gruppo di persone, nella persona dell’Avv. Serena Gasperini, si rese disponibile a testimoniare a favore della famiglia Ciontoli nel Processo Vannini, nel tentativo di far passare la consulenza che rivelò le ultime parole pronunciate da Marco Vannini (consulenza Emme Team depositata su mandato dell’Avv. Celestino Gnazi), come falsa e sospetta, quando invece era reale e confermata dallo stesso tecnico, Lee Orloff, premio Oscar per il suono di Terminator 2, quando rilasciò un’intervista durante la trasmissione Quarto Grado. Anche in quel caso il loro tentativo è stato un fallimento, tanto che furono nuovamente denunciate.

Ma è dopo il terzo tentativo, ovvero il servizio andato in onda con Le Iene, firmato da Roberta Rei, che le famiglie delle vittime hanno deciso di reagire e dire basta.

La mamma di Mario Biondo unitamente a molti altri, inclusa la famiglia Aiello, del caso Sara Aiello, hanno sporto oggi denuncia presso la Procura della Repubblica contro Roberta Rei, Roberta Bruzzone, l’Avv. Annamaria Bernardini De Pace e coloro che sono responsabili della realizzazione e diffusione di quel video su Emme Team diffuso da le Iene, puntualizzando che il servizio è stato realizzato usando interviste di persone che sono indagate dalla Procura grazie a denunce e investigazioni condotte da Emme Team. Dettaglio che Roberta Rei non ha volontariamente diffuso.

Emme Team e i suoi clienti informano inoltre che all’interno del filmato, Roberta Rei e gli autori mostrano documenti che fanno parte di un furto avvenuto e regolarmente denunciato da uno degli avvocati Emme Team nei mesi scorsi e che la diffusione del video è la prova del possesso da parte di Rei e tutti gli altri, di materiale rubato e della avvenuta ricettazione, visto che il video è andato in onda su una tv commerciale. Informazioni che cui la Procura è stata prontamente informata.

Le famiglie delle vittime si stringono intorno all’Emme Team e si aggiungono in tal modo a quei legali Emme Team ed alle altre vittime da loro rappresentate che hanno già da tempo denunciato questi reati.

Per tale motivo, Emme Team vuole precisare che nessuno era ancora al corrente di queste denunce perchè si è sempre voluto rispettare la legge, confidando nel lavoro della Magistratura, senza strumentalizzare, violando anche il segreto istruttorio, una querela come mezzo promozionale. Ma il comportamento di queste persone e la loro volontà di distruggere il lavoro dei concorrenti, senza il minimo rispetto per le vittime e le loro famiglie, ha raggiunto il culmine, oltre il quale non si può ancora tacere e patire in silenzio.

Emme Team fa inoltre notare che Roberta Rei e tutte le persone coinvolte nel video, hanno usato strumentalmente nel servizio immagini che riguardano un cliente Emme Team che si rivolse al gruppo per una web-reputation ed un progetto editoriale, non connesso alle attività di Emme Team, nel tentativo di far passare come sospetti o inesistenti i consulenti Emme Team e il loro lavoro, quando invece sono ovviamente identificati come firmatari delle consulenze tecniche depositate presso le Procure di tutta Italia.

Sempre nella giornata di oggi queste stesse famiglie delle vittime hanno inviato lettera ai legali RTI/Mediaset e direttamente a Piersilvio Berlusconi, chiedendo la rimozione immediate del video e le pubbliche scuse, informandoli che se ciò non dovesse avvenire, richiederanno il blocco e cancellazione di qualsiasi immagine che riguarda loro e i loro figli scomparsi, da tutti i canali tv digitali e terrestri, incluso internet in ogni sua forma (website, portale e/o social network), servizi televisivi, TG e programmi televisivi e/o speciali, di proprietà o distribuiti da RTI / Mediaset in Italia e nel mondo, preannunciando che in caso contrario, si vedranno costretti a procedere per un'azione risarcitoria, unitamente ai loro avvocati e a tutti i clienti che vorranno partecipare.

Per la prima volta nella storia televisiva, un network (RTI) sta trasmettendo materiale rubato ottenendo un guadagno dagli spazi pubblicitari, commettendo il reato di ricettazione.

E mentre altre vittime si stanno unendo con le rispettive denunce,oltre al blocco del video, i legali hanno chiesto un immediato incontro con i legali di RTI/Mediaset

Contatti e per Richiesta Documentazione:

Avv. Carmelita Morreale: carmelitamorreale00@gmail.com

Emme Team: info@emme.team


Fonte Comunicato Stampa Emme Team del 14 Maggio 2021:


Use of this Site is subject to express terms of use.

By using this site, you signify that you agree to be bound by the Universal Terms of Service.

2020 Emme Team and its Members © | Emme.Team Privacy Policy

All files and information contained in this Website are copyright by Emme Team and its Partners and may not be duplicated, copied, modified or adapted, in any way without our written permission. Our Website may contain our service marks or trademarks as well as those of our affiliates or other companies, in the form of words, graphics, and logos. Your use of our Website and Services does not constitute any right or license for you to use our service marks or trademarks, without the prior written permission. Our Content, as found within our Website is protected under United States and foreign copyrights. The copying, redistribution, use or publication by you of any such Content, is strictly prohibited. Your use of our Website and Services does not grant you any ownership rights to our Content. (Made in U.S.A.).



1,139 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti